Vietare per legge il pagamento degli straordinari

Si parlava tanto del principio delle 35 ore settimanali.
Ma come si possono conciliare con le esigenze lavorative dell’impresa che magari ha bisogno in determinati momenti di una maggiore forza lavoro ed in altri momenti ha un numero di ordinativi inferiore?
Come si concilia il lavoro extra con il diritto del lavoratore di fare le sue ore di lavoro senza che nasca uno sfruttamento indebito?
Come pagare le ore di straordinario nella pubblica amministrazione che pare sempre molto in ritardo ed in alcuni casi non paga neanche?
E tenuto conto dei precedenti parametri come si concilia l’assumere un maggior numero di persone per lavorare tutti lavorando il giusto?
La proposta piu semplice che si possa fare è di cambiare un aspetto della legge sul lavoro, e cioè vietare per legge la retribuzione degli straordinari.
Le ore di straordinario ci devono e ci possono essere, ma non vanno retribuite, devono andare automaticamente a far parte delle ferie pagate obbligatorie.
In questo modo il lavoratore che durante l’anno si è speso molto nel suo lavoro ed ha svolto un numero di ore superiore deve forzosamente smettere di lavorare per l’equivalente delle ore in cui ha fatto degli straordinari.
La paga di queste ferie obbligatorie è quella normale, quindi non straordinaria, ma se tali ferie non sono fatte entro il 31 Dicembre scatta l’aggravio per l’azienda che dovrà liquidarle non come semplici ore di straordinario ma con una penalità supplementare del 50%.
In questo modo le ore di lavoro saranno quelle inizialmente contrattualizzate e l’azienda potrà avere a disposizione dei “buchi” che a seconda dei periodi possono dipendere in base agli ordinativi adirittura chiudendo l’azienda in certi periodi dell’anno oppure ne possono scaturire nuove assunzioni per evitare di avere cali nella produzione.
Traggo l’esempio da un fatto deprecabile, alcune medici che lavorano in un ospedale sono andati al mare ed hanno fatto timbrare il cartellino ad altri colleghi.
A loro difesa hanno parlato del mancato pagamento di 100 ore di straordinario.
Con questa proposta le ore di straordinario non sarebbero state pagate e sarebbero diventate ferie obbligatorie retribuite, l’ospedale avrebbe così assolto al suo compito con nuove assunzioni o regolandosi in modo diverso con il personale e quei medici avrebbero potuto andare al mare senza problemi.
I problemi in questo caso ci sono perchè il loro è un reato bello e buono e sarebbe da punire con il licenziamento.
Ma realizzando questa proposta sarebbero sempre meno i casi di questo tipo.

In aggiunta bisognerebbe applicare una serie di disincentivi per il lavoro domenicale e per il lavoro notturno, tassandolo maggiormente detassando il lavoro svolto nelle normali giornate lavorative, in questo modo chi vuole tenere aperto di sabato e di domenica incontrerà maggiori difficoltà ma non sarà vietato tenere aperto.

Quindi se uno lavora di domenica riceverà una remunerazione molto piu alta rispetto ad oggi pagando anche piu tasse rispetto ad oggi,se in piu in tale giornata fa anche degli straordinari avrà un maggior numero ore maturate nelle ferie pagate rispetto a quelle fatte ad esempio al lunedì.

P.S.
Dimenticavo, questo vale maggiormente anche per i contratti stagionali tramutati in contratti ordinari in quanto è noto che il lavoro viene concentrato entro pochissimi mesi, ma con questa metodologia il lavoratore può ricevere tutto l’anno la busta paga lavorando solo ad esempio per 6 mesi e continuando ad essere assunto per l’intero anno.

Articoli correlati :

Incentivi e disincentivi su straordinari e nuove assunzioni
https://giamps78.wordpress.com/2015/08/29/incentivi-e-disincentivi-su-straordinari-e-nuove-assunzioni/