Legge elettorale: Super proposta per PD, M5S e Lega (non per forza Italia!)

sulla legge elettorale l’invito che faccio è quello di unire i voti di partito democratico, lega nord e movimento 5 stelle fregandosene di forza italia che ha già creato abbastanza casini in questa legislatura implorando Giorgio Napolitano per una sua rielezione a presidente della repubblica.
Detto questo stiamo parlando di uninominale maggioritario, che in ogni caso con il tripolarismo non dà certezze di governabilità, e che dà solo la certezza delle ammucchiate, ma l’uninominale è anche l’unica strada per avere un accordo tra queste forze politiche.
Questo è il punto dirimente, non snaturare il sistema politico italiano tramite la coercizione del voto e dare una vera scelta ai cittadini nei collegi uninominali evitando rasoiate alla rappresentatività che sono rasoiate alla democrazia.
Ognun per se nel collegio uninominale, ma senza candidature imposte dall’alto come in passato, sono i cittadini dal basso a dover scegliere chi debba essere eletto nel singolo collegio.
Però bisogna tirare via le croste della vecchia politica sul sistema elettorale e permettere che sistemi utilizzati in altre parti del mondo possano essere introdotti anche qui da noi.
Chiaro che il movimento 5 stelle non accetterà mai l’uninominale secco in quanto sarebbe fortemente penalizzato in termini di seggi ed invece l’uninominale totalmente proporzionale non sarebbe ben visto dalla lega.
Siamo di fronte all’evoluzione della politica, una legge elettorale può creare e annientare le forze politiche, dunque è un tema molto delicato.
Quindi bisogna fare in modo che nel collegio uninominale maggioritario ogni forza politica corra da sola e che siano i cittadini a decidere la coalizione che porta all’elezione del singolo rappresentante.
Ecco che dunque nella scheda elettorale si potrebbe introdurre la prima, la seconda e la terza scelta, tramite un semplice quadrettino al fianco del singolo candidato affiancato dal singolo simbolo.
Quello delle prime, seconde e terze scelte è un sistema utilizzato in molti stati e addirittura per eleggere il presidente della repubblica d’Irlanda, e qui verrebbe applicato per eleggere il rappresentante nel singolo collegio uninominale, sempreché costui riesca a superare , sommando prime, seconde e terze scelte, il 50% dei voti, altrimenti il seggio verrebbe assegnato in maniera proporzionale pura e senza sbarramenti a livello nazionale o regionale per il senato.
Chiaramente se uno supera il 50% senza aver bisogno delle seconde scelte o delle terze scelte sarà eletto senza il conteggio di queste ultime anche se un diverso candidato, sommando anche le terze scelte dovesse risultare primo.
Mi pare che sia una proposta di buon senso, il mettere un 100% di collegi uninominali sia alla camera che al senato e laddove non si superasse il 50%, sommando prime,seconde e terze scelte, dare tali seggi in maniera proporzionale senza alcuno sbarramento.

Annunci