Rendere potabile il #fianellum mantenendo l’uninominale a predominanza proporzionale

La legge elettorale che partito democratico, forza italia e movimento 5 stelle si preparano ad approvare risulta altamente peggiorativo delle leggi attualmente in vigore(consultellum al senato e #italicum cassato alla camera).
Non trovo un senso logico a quello che questi partiti stanno cercando di fare se non un unico obbiettivo comune: Eliminare le preferenze.
Ora voglio dire una cosa basica, credo che sia l’abc della democrazia e dei sistemi elettorali.
Se c’è un collegio uninominale e questo viene attribuito su base interamente e totalmente proporzionale, le preferenze risultano assolutamente indispensabili altrimenti non avrebbe alcun senso e a mio avviso sarebbe totalmente incostituzionale.
In parole povere il collegio uninominale , quando è totalmente proporzionale necessita di almeno due se non anche tre candidati con la scelta da parte dell’elettore.
Qui non si tiri in causa il sistema elettorale denominato “provincellum” perché è tutta un’altra cosa.
Intanto prima di chiarire il ragionamento faccio una domanda di cui immagino la risposta:
Cosa succede se due candidati su due distinti collegi uninominali posti all’interno del medesimo collegio plurinominale superano entrambi il 50% dei voti?
In teoria sono a pari merito, quindi entrambi sono primi o secondi dentro la lista plurinominale ma uno di loro viene eletto come secondo e l’altro come quarto.
Anzi,attualmente non c’è nemmeno questa eventualità perché sono assolutamente certo che ci sia un vuoto normativo ancora da sistemare, e questo pur non avendo letto la legge!

Seconda domanda:
Se un elettore volesse dare il suo supporto ad un candidato su una lista bloccata, del quale vede nome e cognome dove dovrebbe porre la “x”.

Uno ovviamente è portato a rispondere che la “x” vada messa sul contrassegno di quel partito.
È no! Risposta sbagliata.
La medesima “x” assegna il voto sia al candidato dell’uninominale che del proporzionale e se viene superata la soglia del 50% il collegio uninominale può superare il candidato del listino bloccato.
Ma il voto espresso cioè la “x” è la medesimo…
INCOSTITUZIONALE,e non è la prima.

Infine,ultimo punto che contiene anche una proposta per risolvere il problema precedente.

Per fare un esempio si immagini la vecchia  legge elettorale della prima repubblica o si immagini l’attuale legge per le elezioni europee…
Ci sono collegi molto grandi e liste di candidati molto lunghe e ci sono le preferenze.
Se ora portiamo i collegi ad essere uninominali mantenendo gli effetti derivanti dalla ripartizione totalmente proporzionale non otteniamo liste con un solo candidato per forza politica che concorre con altri singoli candidati di altre forze politiche,sarebbe illogico.
Otteniamo invece liste composte da due o tre candidati nei collegi uninominali per la stessa forza politica con i loro nomi prestampati in scheda nella parte sinistra della scheda elettorale prevista dal fianellum.
E semmai ad esempio quel 50% previsto dal fianellum si utilizza in rapporto al numero totale di preferenze ottenute dai candidati della stessa forza politica non certamente rispetto ai voti totali ricevuti da tutti i contrassegni visto che il collegio non è maggioritario.

Un collegio può anche essere uninominale e assegnato totalmente con il proporzionale, e quando dico totalmente proporzionale intendo senza soglie, senza seggi maggioritari, ma dovrebbe contenere le preferenze,ma non sui listini plurinominali, bensì sui collegi uninominali.
Ma forse la domanda più sensata di oggi è questa:
Come mai chi ha eliminato dall’ordinamento il sistema elettorale chiamato “provincellum” e sostituendolo con delle elezioni di secondo livello ora lo vuole utilizzare come sistema ideale,tra l’altro copiandolo male e senza ritegno osano affermare : “anche nel provincellum succedeva così”.
Se portassimo il fianellum a livello provinciale non ci sarebbe più l’elezione diretta del presidente di provincia(dimenticavo che già l’hanno già tolta eppure la adoravano) e  sparirebbe pure il principio maggioritario nei collegi provinciali…

Annunci