No a due eurozone in questa #UE,meglio istituire monete locali complementari

Non credo sia accettabile una Europa a due velocità creata da chi in questi ultimi decenni ha sbagliato ogni cosa.
Ci siamo fatti fregare troppe volte da questi politicanti ed ogni singolo trattato europeo può considerarsi un piccolo fallimento.
Maastricht,Lisbona,Dublino,fiscal compact, bail-in etc etc.
Troppo per poter credere che queste persone abbiano veramente l’interesse di cambiare realmente questa Europa e non invece trarne ancora una volta un incredibile vantaggio per le loro banche e per le loro imprese.
In questo senso non esiste alcun margine di trattativa in partenza
abbiamo dato sangue e imprese sono fuggite in quei paesi dell’est Europa che oggi sono dei satelliti della germania (al posto nostro) e che forniscono produzioni a basso costo sfruttando l’assenza di dogane e le regole europee che permettono loro di incassare miliardi di euro attraverso i fondi europei e che hanno mantenuto la propria moneta nazionale.

Abbiamo donato sangue e imprese al nord Europa e grazie alle regole europee i paradisi fiscali tipo lo stato di provenienza dell’attuale presidente della commissione europea,juncker, ha accolto le sedi fiscali delle nostre imprese.
Queste stesse persone hanno il coraggio di dire che in italia c’è troppa evasione fiscale ed impongono le leggi sul lavoro e tutto questo nel mentre si tenta di eliminare le dogane negli scambi commerciali di mezzo mondo.
Ma con quale coraggio?
Questa è una vera e propria operazione di killeraggio pianificata a tavolino.
Nel dettaglio,risulta Inaccettabile che si tenti di regalare status speciali in stile regno unito a tutti i paesi che non hanno l’euro.
Chi non ha l’euro si becca una dogana e non fa arte del parlamento europeo in una unione europea ad una sola velocità.
Inaccettabile che si creino due monete mentre il parlamento europeo continua ad avere poteri decisionali all’interno dell’intera unione europea.
Dove finisce una delle due monete comincia la dogana,ergo o il parlamento europeo ritorna ad avere un mero potere consultivo, oppure ci devono essere due parlamenti europei.
Non esiste che una parte dell’europa spinga per i trattati di libero scambio e l’altra parte dell’Europa,secondo il modello delle due velocità,debba subire pur avendo una diversa moneta.
Non esiste nemmeno che la nazione che fa parte di una delle due velocità venga trattata peggio e abbia trattamenti differenziati e peggiorativi rispetto a chi sta nell’altra velocità e si tiene magari la sua moneta.
Non esiste che l’italia continui a dare 4 miliardi annui a fondo perduto a questa un’unione europea e che poi questi soldi finiscano nella seconda velocità dell’europa o ancor peggio nella prima.
Se la Germania vuole uscire dall’europa assieme ai suoi satelliti può tranquillamente farlo.
Quello che non può fare è pretendere che non siano ripristinate le dogane ed i dazi sui prodotti tedeschi,e sui capitali tedeschi.
Si perché in un mondo che va al contrario non ci si mette in ginocchio per chiedere ai capitali internazionali di venir qui a speculare sul debito,a comprare aziende per ottenere know-how e commesse e per lasciarci poi in braghe di tela.
Invece,una proposta sensata potrebbe essere quella di una doppia moneta europea,ma non per avere l’Europa degli stati che viaggia a due velocità.
Ma bensì un trattato europeo che istituisca la “moneta complementare locale” e la regolamenti.
Dopo starà ai cittadini decidere se tale moneta complementare sia nazionale o comunale.
Ovviamente l’europa deve scrivere nero su bianco l’agevolazione fiscale che tale moneta può avere,ad esempio sull’iva,rispetto all’euro,che rimarrebbe tale e quale a quello di oggi.
Questa potrebbe essere una via di mezzo per riuscire a far entrare i paesi che oggi sono nell’unione europea ma non sono nell’euro.
La loro moneta nazionale sarebbe considerata moneta complementare locale.
Io penso che l’euro dovrebbe continuare ad essere utilizzato per tutti gli scambi di prodotti non totalmente ed interamente creati nei singoli paesi,mentre la moneta complementare potrebbe valere solo per i prodotti “100% made in”.

Annunci