Libia : errore riconoscere governo libico non riconosciuto dal parlamento riconosciuto

C’è una notizia che ha dell’incredibile: il governo unitario libico che doveva ricevere la fiducia dal parlamento do Tobruk dice oggi che punta ad entrare in carica senza che sia votato dal palamento e che l’altra parte della Libia, quella che risponde al colonnello Haftar deve essere disarmata.

Questo significa una cosa sola : guerra civile e successivo ingrossamento delle file dell’ISIS.

Vorrei sapere chi è quel genio che potrebbe avallare a livello internazionale questa soluzione.

Attualmente ci sono due parlamenti, primo riconosciuto a livello internazionale, il secondo, non riconosciuto.

In questo caso il governo nascerebbe senza il voto di nessuno dei 2 parlamenti, ora mi piacerebbe sapere come possa dare a livello internazionale un sostegno ad una operazione di questo tipo dove neppure il parlamento riconosciuto ha dato il suo assenso alla formazione del governo. ,chi riconosce a livello internazionale

Ci sarebbe un governo riconosciuto entrato in carica senza il voto del parlamento riconosciuto che combatte contro le milizie non riconosciute di un parlamento non riconosciuto dall’altra parte del paese, un caos totale.
E’ chiaro che qui si sta buttando via in un colpo solo tutto il tentativo di pacificazione fatto negli ultimi 12 mesi, e si sta ritornando in una situazione di guerra civile e la colpa di questo ricade sui cattivi consiglieri che pensavano di utilizzare la fretta come metodo per risolvere il problema.

Ora la soluzione piu razionale è quella di ricominciare tutto da capo, con un diverso candidato a capo del governo che ottenga almeno il voto del parlamento riconosciuto.
Di solito chi non è capace ha fallito e si fa da parte, e questo mi pare un caso lampante.

Si perchè il colmo di tutto questo è che si era partiti cercando di far insediare un governo con il voto di entrambi i parlamenti, poi si è passati al voto di uno solo dei due, oggi siamo di fronte all’assenza di entrambi.

Questo presunto capo di governo già ancora prima di insediarsi vorrebbe ottenere tutti i poteri, figuriamoci cosa accadrà dopo che si è insediato, anche se in questo caso si dovrebbe parlare di “non insediamento” piu che di insediamento.

A questo punto anche il tedesco dell’ONU che si sta occupando della faccenda dovrebbe dare le dimissioni per manifesta incapacità.

Annunci