Karl Marx era omosessuale in quanto omofobo!

“Ad esempio, risulta che Marx fosse omofobo. Ma è normale. Era una persona dell’Ottocento.”

Poi aggiunge :

“a dirla tutta,gli omofobi sono omosessuali repressi o latenti, secondo una teoria di Freud.”

Se ne deduce che Karl Marx fosse omosessuale, e che fosse normale essere omofobi 100 anni fa.

Se fosse vero quanto afferma Freud e cioè che “gli omofobi sono omosessuali repressi o latenti” allora è vero anche il contrario e cioè che “gli omosessuali sono degli omofobi repressi o latenti”.

E dunque ci si ricongiungerebbe a pieno titolo con la mia teoria, ovverosia quella che vede negli omosessuali la fonte dell’omofobia essendo anch’essi,per primi, degli omofobi latenti o repressi,cosi come pure gli eterosessuali sarebbero fonte di eterofobia.

E quindi proseguendo sulla logica Freudiana reprimere l’omofobia significa far accrescere il numero di omosessuali.
Ma se fosse vero quanto scritto fino a questo momento gli eterosessuali sarebbero sia omofobi latenti o repressi ma anche eterofobici, così pure gli omosessuali.

Forse non si è capito bene il significato del termine omofobia che non è il trovare ripugnante l’omosessualità, è invece mettere in pratica azioni contro gli omosessuali, verbalmente e fisicamente.
Una persona che trova l’omosessaulità oscena non è omofobo, diventa omofobo quando compie delle azioni di violenza verbale o fisica nei confronti degli omosessuali.

Il ritenere oscena l’omosessualità e dirlo pubblicamente,rientra nella libertà di pensiero e di espressione che qualunque persona dovrebbe poter avere, se fossero veri i diritti della persona scritti nella costituzione.

 

Pertanto, se qualcuno o qualcuna è dotata di cultura, forse sarebbe ora di usarla invece di continuare con questi atteggiamenti bigotti ed eterofobici.

P.S.
Non è che sia proprio la lettura di Freud ad aver contribuito a creare e ad alimentare i veri problemi di questa società?

Annunci