Manca copertura finanziaria per stepchild adoption,quoziente familiare ha un costo!

ImmagineDimostrerò con una serie di passaggi il perchè la reversibilità pensionistica a favore delle coppie omosessuali risulta incostituzionale e perchè in ogni caso alla proposta di legge Cirinnà mancano le coperture finanziarie.

Le unioni civili sono prive di copertura finanziaria.
Mi sorprende che i tecnici del senato certe volte così puntigliosi non lo abbiano già fatto presente.
E’ stato fatto un calcolo per qualche decina di milioni di euro, e questo sarebbe il costo riguardante la sola reversibilità pensionistica del disegno di legge Cirinnà nella precedente versione.
Ora la versione aggiornata dagli emendamenti portati in aula senza passare per la commissione, non contengono piu la possibilità per i soli omosessuali di contrarre le unioni, ma permettono (come afferma la costituzione) anche alle coppie eterosessuali di contrarre tale unione.
Solo fermandoci su questo punto, è evidente la ripercussione in termini di coperture finanziarie, visto che al giorno d’oggi il matrimonio è in crisi totale, ci sono meno matrimoni, ci sono piu divorzi e in un tempo sempre piu rapido.
Le coppie eterosessuali non sposate sono forse anche di piu delle coppie sposate regolarmente.
Stiamo parlando di diversi miliardi di euro se si tiene conto del fatto che oggi le pensioni di reversibilità sborsate dall’INPS ammontano a quasi 40 miliardi di euro.
Certo, va detto che la reversibilità si può ottenere anche dopo un divorzio, ma qui nasce il problema di incompatibilità giuridica e costituzionale dell’unione civile.
Infatti una persona divorziata mantene il suo diritto alla reversibilità del precedente matrimonio, anche se ha contratto l’unione civile.
Infatti si slega la reveribilità pensionistica dal concetto di matrimonio e lo si lega alla convivenza, altrimenti neppure le unioni civili potrebbero ottenerla.

Questo significa semplicemente che o si toglie la reversibilità pensionistica dal valore matrimoniale e la si associa ad altro valore quale la convivenza(e quindi diventa diritto maturato dai conviventi indipendentemente dal matrimonio) e così facendo diventa possibile renderla disponibile anche a chi ha contratto le unioni civili ma anche a coloro che convivono senza unione civile….
Oppure i divorziati da matrimonio “naturale” che utilizzano successivamente lo strumento dell’unione civile NON POSSONO OTTENERE IL DIRITTO DELLA REVERSIBILITA’ PENSIONISTICA, a norme vigenti otterrebbero la reversibilità dal precedente matrimonio e com’è logico non potranno a loro volta dar vita ad una nuova reversibilità verso un terzo soggetto.

Anche la stepchild adoption apre delle crepe nel bilancio dello stato, infatti hanno un costo finanziario e dunque hanno bisogno di una copertura.
Soprattutto alla luce degli aiuti per il “quoziente familiare”, ad esempio sulle spese per gli asili che sono differenti se il genitore è single e non sposato e convive.

Stiamo parlando di una profonda rivisitazione del codice civile, non di un articoletto di 2 righe da sbandierare in piazza.

P.S.
Se non sapevatelo, ora sapevatelo!
già oggi anche i figli possono ricevere reversibilità pensione!

Articoli correlati:
Reversibilità unioni civili? Ma se servono 20 miliardi di tagli!
https://giamps78.wordpress.com/2016/02/03/reversibilita-unioni-civili-ma-se-servono-20-miliardi-di-tagli/

 

Annunci