Updates from febbraio, 2016 Attiva/disattiva nidificazione dei commenti | Scorciatoie da tastiera

  • giamps78 14:16 il 29 February, 2016 Permalink | Rispondi  

    La pantomima delle primarie a Roma 

    La politica dovrebbe essere capace di guardare in faccia ai problemi risolvendoli creando delle leggi apposite, in questo caso creando una nuova legge elettorale che contenga le primarie fatte in seggi appositi dove si vota con degli scrutatori ufficiali.

    Invece stiamo assistendo ancora, per l’ennesima volta, ad una politica che non è capace di risolvere i problemi e di continuare a subirli.

    C’è il partito che si fa le primarie sotto i gazebo, quell’altro che le organizza 5 giorni prima e poi dice che nessuno ha ottenuto la maggioranza assoluta e che dunque la consultazione già di per se inutile lo è ancora di più.

    Quello che si dovrebbe fare è molto semplice, un turno elettorale in cui ogni contrassegno ha tre candidati, dove al secondo turno non ci sono ballottaggi ma per accedere a quel secondo turno si deve superare uno sbarramento elevato(del 10 o del 15%).

    Di due schede elettorali distinte, su una ci sono i candidati sindaci con un proprio contrassegno di coalizione e sull’altra scheda i simboli dei partiti senza che ci siano coalizioni, senza che ci siano premi di maggioranza, senza che ci siano sbarramenti.

    Così si ottiene il voto vero dei cittadini per il sindaco che però non deve chiedere la fiducia al consiglio, e quest’ultimo che rappresenta in modo proporzionale il voto dei cittadini, comprese le liste che hanno ottenuto il 2%.

    Un sindaco che abbia un diritto di veto, un vice-sindaco votato dai cittadini nel secondo turno, assieme al sindaco che nel primo ha vinto le primarie.
    Il vice sindaco scelto dai cittadini fra 3 candidati a vice-sindaco che sarà il sindaco stesso a mettere in lista.

    Poi basta dire che il sindaco non può usare il suo diritto di veto per quanto riguarda la modifica dello statuto e altre provvedimenti di garanzia democratica.

    Lo stesso si può fare per le elezioni regionali e per il parlamento nazionale.

    Il secondo turno non sarà un vero e proprio ballottaggio, infatti potrebbero esserci anche 3 o 4 candidati, e dunque al secondo turno non servirà ottenere la maggioranza assoluta dei voti per diventare sindaco.

    Si crea così un sistema di pesi e contrappesi dove l’assemblea in teoria non ha una maggioranza di seggi.

    E invece assistiamo ancora una volta alla politica che non riesce a risolvere i problemi, non riesce a modificare le leggi per rispecchiare la situazione del paese.
    Vengono fatte leggi elettorali a seconda se il favorito è tizio o caio, senza che sia risolto il problema appena descritto e continuando perciò con queste finte primarie, con queste schermaglie prima delle elezioni dove sono le segreterie dei partiti a confrontarsi e a scontrarsi.

    La democrazia invece è una cosa semplice, c’è una scheda elettorale vera e ci sono i voti dei cittadini.

    Annunci
     
  • giamps78 10:45 il 29 February, 2016 Permalink | Rispondi  

    Elezione diretta del vice sindaco con il #tormentellum 

    ImmagineNella legge elettorale che ho chiamato #tormentellum ci starebbe benissimo anche l’elezione del vice sindaco, visto che le schede elettorali sono due, una per il sindaco e una per il consiglio.
    Dunque al primo turno ci sono le primarie con i candidati sindaci che si stringono attorno l’unico simbolo di coalizione.
    Al secondo turno c’è il candidato sindaco vincitore delle primarie e nella stessa scheda c’è il vice sindaco, con almeno tre nomi, che è il candidato sindaco a far mettere in scheda.
    In pratica finito il primo turno, cioè le primarie, ci possono essere degli apparentamenti tra forze politiche ed anche il contrassegno elettorale del sindaco vincitore può essere modificato nel secondo turno, appunto perchè gli apparentamenti permettono di mettere come candidati a vice sindaci anche coloro che hanno perso le primarie e che quindi fanno un patto di governo che risulta riconoscibile agli elettori.

    ImmagineFacendo l’esempio pratico, il partito A al primo turno presenta i suoi 3 candidati a sindaco, il primo candidato prende il 45%, il secondo prende il 40% e il terzo ottiene il 15% del totale delle preferenze.
    Il primo candidato del partito A ottiene dunque la candidatura a sindaco per quella lista o per quella coalizione di liste che si riconosce comunque sotto un unico simbolo.
    Anche il partito B si è presentato al primo turno cioè alle primarie con 3 candidati a sindaco, ed il programma elettorale di questo partito è molto simile a quello del partito A.
    Mentre nel complesso dei voti il Partito A ottiene il 30% dei voti, il partito B ottiene solo il 9% dei consensi e quindi non supera lo sbarramento elettorale per accedere al secondo turno.

    A questo punto il candidato sindaco del partito A punta ad ottenere i voti del partito B il cui candidato non sarà presente nella scheda elettorale.
    Ecco che dunque offre di diventare vice sindaco a colui che ha ottenuto piu voti nelle primarie del partito B e in piu, per convincerlo,può decidere di ritoccare il proprio contrassegno elettorale per renderlo piu chiaro anche agli elettori del partito B.

    Ovviamente quanto descritto può essere applicato anche nel caso in cui il partito B riesca a superare lo sbarramento, in questo caso il candidato sindaco del partito B può scegliere di fare il vice del candidato sindaco del partito A, entrando nella scheda elettorale del secondo turno.

    In ogni caso al secondo turno la scheda elettorale avrà il candidato sindaco del partito A, e 3 scelte come vice sindaci, i primi due che hanno preso le primarie del primo turno e che avevano ottenuto il 40% e il 15% e il candidato del partito B che ha scelto di andare seguire il candidato A.

    Dunque il popolo sceglierà sia chi dovrà ricoprire la carica di sindaco, sia chi dovrà ricoprire quella di vice sindaco.

    Ricordo inoltre che il tormentellum non prevede premi di maggioranza e prevede il proporzionale al 100% senza sbarramento elettorale nel consiglio comunale, con diritto di veto da parte del sindaco(o del suo vice) che vale il 15%.

    Articoli correlati:

    Progetto di riforma dell’elezione dei sindaci e dei consigli:
    https://giamps78.wordpress.com/leggeelettoraleprimarie/basi-progetto-applicato-ai-sindaci/

    Esempio scheda primarie sindaco dopo riforma elettorale:
    https://giamps78.wordpress.com/riforma-nellelezione-dei-sindaci-e-dei-consigli/

    Ecco come e perchè modificare legge elettorale comuni
    https://giamps78.wordpress.com/2016/02/19/ecco-come-e-perche-modificare-legge-elettorale-comuni/

     

     
  • giamps78 00:32 il 29 February, 2016 Permalink | Rispondi  

    Boliviani tagliano alberi,poi si lamentano dell'aridità 

    Immagine

    I boliviani hanno tagliato alberi perchè volevano terra per coltivazioni e per i pascoli, e ora non hanno acqua per quella terra e hanno le bestie che muoiono di sete,con i loro ghiacciai completamente scomparsi.
    Tagliano gli alberi e si lamentano del riscaldamento globale, delle pioggie e dell’aridità che colpiscono quelle zone?
    Tutte queste grandi scuole e i grandi studiosi che ci sono in giro per il mondo non hanno ancora capito che sono gli alberi a far piovere e regolano l’intensità e la frequenza della pioggia?

    E’ la giusta punizione soprattutto perchè nelle zone dove ha smesso di piovere da 12 mesi, e dove 12 mesi fa c’è stato un momento in cui pioveva troppo forte, avevano negli anni precedenti fatto piazza pulita degli alberi.

    E’ una punizione ancora piu giusta visto che in quelle zone divenute aride hanno deciso di costruire uleriori case e villaggi, come se non piovesse sul bagnato!

    Un vecchio proverbio dice : A chi nasce sfortunato, piove sul culo anche da seduto.
    Ma a me pare che qualcuno autolesionisticamente abbia decso di andarla a cercare la sfortuna  poi magari chiama gufi coloro che tentano di avvertire della situazione.

    Immagine

    Morales offre “croce e martello”

    La temperatura dell’aria dipende anche dalla temperatura dell’acqua degli oceani e dei mari dalla quale si ottiene una escursione termica maggiore o minore.

    Ma la temperatura può dipendere anche dalle piogge che possono abbassarla o in assenza di esse la temperatura può subire un aumento
    Quindi avere delle piogge molto meno frequenti e molto piu violente significa avere anche un minor raffreddamento della temperatura ambientale, e questo lo si deve alla continua diminuzione di alberi.
    Questo è un problema che non viene considerato dal punto di vista economico, infatti per Adam Smith non esiste un lavoro fatto gratuitamente, ma esiste la mano invisibile con l’interesse del singolo e l’interesse collettivo non è altro che la somma dei singoli interessi, cioè facendo il mio interesse faccio anche quello della collettività
    Il capitalismo è riuscito ad inculcarci la sua mentalità,in pratica ci hanno convinti che costruire case significa creare sviluppo ed invece tagliare alberi per fare quelle case significa modificare l’ambiente circostante e la somma degli interessi dei singoli nell’avere nuove case porta ai disastri climatici per quelle zone prive di alberi.
    Nei moderni libri di economia gli alberi hanno alcun valore di mercato solo se vengono tagliati, infatti solo in quel caso possono essere venduti come legna facendo aumentare il prodotto interno lordo.
    Non viene considerato il lavoro gratuto che svolgono quotidianamente e quindi in questa società non possono assumere un valore economico secondario.
    Come ho scritto provocatoriamente l’anno scorso, gli alberi sono comunisti con qualche spruzzatina di internazionalismo a seconda di come tira il vento, per questo vengono presi di mira dai borghesi.

    Articoli correlati:

    Viva le rinnovabili,ma i numeri sul PIL di “LaRepubblica Sera” sono inventati:
    https://giamps78.wordpress.com/2015/11/13/viva-le-rinnovabilima-i-numeri-sul-pil-di-larepubblica-sera-sono-inventati/

    Lettera aperta ai giornalisti : signore e signori abbiamo scherzato
    https://giamps78.wordpress.com/2015/05/05/lettera-aperta-ai-giornalisti-signore-e-signori-abbiamo-scherzato/

    Carbon tax , macellai nella sala operatoria di un ospedale
    https://giamps78.wordpress.com/2015/01/21/carbon-tax-macellai-nella-sala-operatoria-di-un-ospedale/

    No alla carbon tax, si a quote CO2 a favore dei paesi meno inquinanti:
    https://giamps78.wordpress.com/2015/11/12/no-alla-carbon-tax-si-a-quote-co2-a-favore-dei-paesi-meno-inquinanti/

    L’obsolescenza programmata sugli esseri viventi:
    https://giamps78.wordpress.com/2016/01/30/lobsolescenza-programmata-sugli-esseri-viventi/

     
  • giamps78 21:14 il 28 February, 2016 Permalink | Rispondi  

    Ecco perchè legalmente Vendola non ha un figlio (italiano) 

    Giunge la notizia della nascita del figlio di nichi Vendola e del suo “compagno”, ho usato la “o” finale perchè si tratta di un maschio, cioè di due maschi che hanno un bambino.

    Da notizie giornalistiche di cui non sono certo per cui potrebbero esserci degli errori, si dice che Vendola si sia recato in Canada e che una donna californiana abbia dato in affitto l’utero e tramite fecondazione artificiale.

    Ma qui non si discute dell’adozione ad una coppia omosessuale di un figlio avuto senza fecondazione artificiale, che comunque non andrebbe presa troppo alla leggera.
    Si discute invece una cosa diversa, la nascita di un bambino tramite fecondazione assistita da parte di una coppia omosessuale, tra l’altro da quello che risulta da notizie giornalistiche ne Vendola ne il suo compagno risultano essere padri biologici perchè per la fecondazione maschile è stato usato un canadese.

    Quindi, se le supposizioni scritte in precedenza sono vere, c’è un problema serio e riguarda la nazionalità nel nascituro, nato biologicamente da madre californiana e da padre canese, e lo ricordo, in canada c’è pure lo ius soli.

    Giustamente mi viene fatto notare che “in Canada i figli dei gay possono riconoscere entrambi il bambino e compaiono già nel certificato di nascita”, ma rimane il problema descritto in precedenza, nessuno dei due genitori è genitore biologico, quindi per la legislazione italiana in teoria si tratta di un’adozione e non dunque di una paternità.

    E’ quindi quest’adozione deve seguire le regole che si seguono per le azioni internazionali, che ad oggi sono totalmente vietate per le coppie omosessuali ed anche per i single.

    In poche parole tale figlio non è italiano, lo sarebbe stato se uno dei due genitori fosse il genitore biologico, questo dice la legge ed il codice civile, ma siccome nessuno dei due è il genitore biologico tale figlio non è italiano, pertanto è canadese e non può essere adottato da chi ha speso 130 mila euro, stando sempre a notizie giornalistiche, per organizzarne la nascita.

    Il certificato di nascita fatto dal canada è nullo, l’unica cosa che si può fare in italia per stabilire se quel figlio è italiano è il test di paternità, ma nessuno dei due genitori è genitore biologico pertanto il testo darebbe risultato negativo.

    Quindi a tutti gli effetti Vendola e compagno non hanno alcun figlio(italiano).

    P.S.
    “La cittadinanza del bambino. Determinante per la scelta del Paese-meta, anche prima dell’analisi dei costi, è la questione del riconoscimento giuridico: chi si affida a Canada e Stati Uniti, rientrando in Italia non rischia ripercussioni di carattere penale perché i neonati hanno cittadinanza e passaporto americani o canadesi e dunque non ci sono problemi di trascrizione dei certificati di nascita. Chi invece sceglie Russia e Ucraina deve fare i conti con il fatto che i bambini non hanno alcuna cittadinanza e per uscire dal territorio hanno quindi bisogno di un’autorizzazione da parte del Consolato. In questo passaggio, in presenza di sospetta pratica di utero in affitto, possono scattare le segnalazioni alla magistratura italiana e nei confronti delle coppie tornate in Italia può scattare l’inizio di un procedimento penale per “alterazione di stato di nascita”, reato punibile con la reclusione dai 3 ai 10 anni.”

    fonte :http://www.repubblica.it/salute/2016/02/29/news/maternita_surrogata_i_paesi_dove_si_puo_fare-134491543/

    P.P.S.
    Bisogna cambiare comandamenti religiosi sono discriminatori e quindi incostituzionali:

    Onora il padre e il padre!

    Onora genitore 1 e genitore 2!

     
  • giamps78 15:24 il 28 February, 2016 Permalink | Rispondi  

    Investimenti: se la matematica non è un'opinione 

    “INVESTIMENTI – Dopo le previsioni i consigli. In base a una simulazione fatta dagli economisti Ocse, un aumento degli investimenti pubblici dello 0,5% del Pil in tutti i Paesi aderenti, in un anno farebbe aumentare il Pil Usa di oltre lo 0,6% e il Pil della zona euro, della Gran Bretagna e del Canada dello 0,6% ciascuno. Per l’intero mondo si tradurrebbe in un +0,4% e un +0,3% per i Brics. Di conseguenza, si avrebbe anche una riduzione dello stock del debito, che sarebbe pari a oltre lo 0,6% del Pil per gli Usa e allo 0,4% per la zona euro.”
    C’è sempre qualcuno a cui piace dare i numeri!
    Lo 0,5% del PIL in investimenti implica l’aumento del debito dello 0,5% del PIL su cui poi vanno pagati gli interessi, per sempre.
    Loro quando parlano di riduzione del debito non intendono in cifra assoluta, ma in rapporto al PIL un indice che risente pesantemente dell’inflazione, cioè del sistema speculativo finanziario che ci ha portato dentro questa crisi economica proprio con sistemi come questi.
    In realtà il debito non si sta abbassando ma continua a crescere, ma loro vogliono dare l’impressione che stia scendendo.
    E a chi vanno pagati gli interessi?
    Ma naturalmente a delle banche private che ricevono soldi in prestito dalle cd. “banche indipendenti”.
    In piu l’investimento pubblico non permette nemmeno di avere l’opera pubblica perchè tale opera sarà a favore di privati con un ulteriore regalo a fondo perduto.
    Il punto è che tutto questo discorso fatto in precedenza è totalmente falso, il debito è l’unica cosa vera di tutta questa storia, infatti PIL aumenta solo perchè aumenta l’inflazione, e all’aumentare dell’inflazione si regalano soldi ai capitali privati con l’innalzamento del debito pubblico.
    Naturalmente l’inflazione determina anche maggiore spesa pubblica, perchè è evidente che le pensioni devono essere alzate, che i lavoratori vogliono piu denaro se il costo dei prodotti di prima necessità e dei servizi hanno un rialzo di prezzo, ma anche le stesse infrastrutture avranno con il rialzo dell’inflazione un rialzo dei prezzi.
    Quindi la spesa pubblica costerà di piu e questo determinerà un fabbisogno statale piu alto rispetto a prima e dunque un ulteriore problema al debito.
    Finchè i debiti erano bassi, fin quando l’economia non risultava così globalizzata, era possibile attuare questa strategia senza avere delle ripercussioni.
    Ma piu il debito diventa alto, piu è facile investire in luoghi nel mondo dove il costo della vita e del lavoro nonchè il debito risulta inferiore, piu è facile esportare prodotti da quei paesi verso di noi…
    più succede questo e piu ogni euro che utilizziamo per investimenti aggraverà la nostra situazione, magari piu velocemente, magari piu lentamente, ma la aggraverà, per cui potrà anche sembrare che le cose stiano andando meglio, ma non sarà per nulla così.
    L’unica strada è quella che permette a banche indipendenti di acquistare debito pubblico per risparmiare sui bilanci, e nel contempo di ridurre il debito, e stampare soldi per gli investimenti senza che questi diventino debiti, visto che in toeria ogni soldi stampato appartiene a tutto il popolo che lo utilizza e ne ha sovranità e non deve restituire qualche cosa che è suo, ed è suo perchè il valore di quella moneta, il suo cambio corrisoponde a tale valore, se si stampano mille miliardi la moneta varrà di meno per tutti i cittadini, pertanto tali mille miliardi devono appartenere a tutti i cittadini e quindi devono essere pubblici.

    Ma tali investimenti pubblici affinchè funzionino devono tentare di migliorare la competitività o di creare da zero prodotti che oggi noi importiamo(ad esempio l’energia) in modo da essere meno dipendenti ed impedendo così l’aumento indiscriminato da shock esterno(esempio crisi petrolifere)

     
    Il non aver fatto questo per troppi decenni ha creato la crisi economica, perchè in giro per il mondo c’era gente che lo faceva e che dunque aumentava le sue quote di mercato.
    Non si è capito che l’unico modo non essere pieni di debiti è di stampare moneta ed utilizzarla per pagare i debiti, ma in questi ultimi 40 anni gli economisti hanno fatto finta di nulla.
     
     
     
  • giamps78 10:02 il 28 February, 2016 Permalink | Rispondi  

    Gli 8 pilastri per un nuovo trattato economico europeo 

    Quando parlo di debito pubblico mi riferisco al debito pubblico aumentato in questi ultimi 40 anni, mi riferisco a quello in cifra assoluta e non in rapporto al prodotto interno lordo che per me rappresenta quasi una bufala.

    Dunque un accordo per un trattato economico europeo per essere serio dovrebbe dire sostanzialmente che :
    1) Gli stati si impegnano senza alcuna possibile deroga a diminuire,in maniera inscutibile e ineludibile ,il proprio debito pubblico per una cifra annuale che va dai 3 ai 10 miliardi(a seconda del numero di abitanti), indipendentemente dalla crescita o decrescita del prodotto  lordo e a non alimentare spese correnti con nuovo debito.

    2)Fermorestando il punto precedente,gli stati si impegnano ad abbassare come prima aliquota fiscale l’imposta sul valore aggiunto fino al suo azzeramento sia con i soldi derivanti dal calo del debito pubblico sia la tassa europea sulle transazioni finanziarie, la cui percentuale è identica in ogni stato e decisa dal ministro delle finanze europee.

    3)La banca centrale europea per mezzo del ministro delle finanze europeo si impegna all’acquisto di titoli di stato in modo che il differenziale tra i paesi con i tassi piu bassi e quello con i tassi piu alti non superi i 100 punti base, cioè l’1%.
    A tal proposito per i paesi maggiormente virtuosi e che hanno tassi di interesse negativi sul proprio debito si considera prorogato il quantitiative easing a tempo indeterminato, sulla base di una politica monetaria concordata tra il ministro delle finanze europeo e il singolo stato virtuoso.

    4) Il ministro delle finanze europeo può chiedere alla banca centrale europea la stampa di banconote con interessi pari al costo del denaro praticato dallo stesso istituto depositandoli nella banca europea degli investimenti e tali denari devono generare opere di proprietà pubblica europea(non quindi nazionale) in maniera equivalente alla percentuale data per la creazione dell’opera.Ad esempio se un distributore di metano sintetico è creato con il 30% dei soldi della BCE, il 30% con soldi privati e il 40% con soldi del singolo stato, la proprietà europea sarà del 30%, e tale cifra potrà essere venduta su decisione del ministro europeo delle finanze.

    5) Nel caso in cui i soldi al punto 4 siano usati intnte per opere europee interamente pubbliche, sono scomputati e considerati investimenti, non ceano debito e non creano interessi,il che significa semplicemente che i soldi stampati dalla BCE appartengono al popolo dell’unione europea e creano opere pubblice di proprietà interamente europea e non dunque dei singoli stati, a tal proposito questi soldi possono essere anche usati per l’acquisto di patrimonio del singolo stato solo però se i soldi riscossi vanno alla diminuzione del debito pubblico.
    Lo stato nazionale pur non avendone la proprietà potrà comunque continuare a fruirne normalmente come fatto in precedenza, fin quando non vada in contro ad un default finanziario, e potrà comunque in ogni momento pagando la stessa cifra riottenerne la proprietà.

    6) Possibilità per ogni stato o per ogni regione appartenente all’unione europea stabilire aliquote sull’imposta del valore aggiunto(e transazione finanziaria) diverse a seconda se i prodotti in questione sono creati e acquistati nel medesimo territorio, creando inoltre un marchio europeo “100% made in” dove sia scritto il nome dello stato o il nome della regione.
    Naturalmente tali prodotti possono essere commerciati oque ma uscendo dai propri territori avranno una normale aliquota.

    7) Il ministro europeo delle finanze si occupa solamente dell’euro e si riunisce il venerdì o il sabato al parlamento europeo alla presenza dei soli europamentari rappresentanti degli stati aderenti alla moneta euro, mentre gli altri europarlamentari non avranno diritto di voto.

    8) l’inserimento nel trattato della possibilità di uscita dalla moneta unica seguendo un iter di democrazia partecipativa, ovvero 2 referendum tra loro identici all’interno del medesimo stato a distanza di non meno di 3 mesi l’uno dall’altro il cui risultato debba essere concorde.

    Articoli correlati:

    Austerità fa perdere elezioni,meglio fare debito!
    https://giamps78.wordpress.com/2016/02/28/austerita-fa-perdere-elezionimeglio-fare-debito/

     
  • giamps78 09:06 il 28 February, 2016 Permalink | Rispondi  

    Austerità fa perdere elezioni,meglio fare debito! 

    ImmagineCome può l’europa abbassare le tasse se l’europa non decide la percentuale di nemmeno una tassa a parte quella data all’europa stessa come residuale dell’imposta sul valore aggiunto?
    E’ evidente che qui non si sta parlando di tagliare le tasse ma di modificare i trattati che riguardano il deficit, ma siccome la risposta la sanno già ed è negativa perchè la Germania metterà il veto, e siccome ci sono le elezioni, bisogna utilizzare il linguaggio trito e ritrito,una minestra riscaldata sui piu soldi in tasca agli italiani tagliando le tasse.
    Ma io so già che quando loro parlano di taglio delle tasse non si riferiscono all’imposta sul valore aggiunto, infatti per loro questa imposta è necessaria per creare l’inflazione, che serve per tenere in piedi la zecca capitalista che succhia quotidianamente il nostro sangue tramite il sistema finanziario.
    L’austerità non è la colpa della crisi perchè l’austerità è saltata fuori dopo la crisi.
    Piuttosto sono state le politiche totalmente sbagliate di questi decenni ad essere fallimentari, e sono le stesse politiche portate avanti inesorabilmente tutti i giorni.
    Il voto in Irlanda e il voto in polonia da una certo punto di vista sono molto simili.
    In Irlanda il prodotto interno lordo cresce del 7% ma gli anti austerità guadagnano voti.
    La Polonia che riceve fior di miliardi di fondi europei e che fino a ieri sembrava super europeista sono andati al governo gli antieuropeisti di destra.
    In generale in tutta europa c’è un malcontento ma quando loro ricordano i risultati del candidato populista trump negli stati uniti d’america, dimenticano che loro stessi continuano a ripetere che le ricette americane erano quelle giuste, e che quindi il voto negli U.S.A. non è in stretta relazione con politiche americane di austerità, al limite con politice europee di austerità, ma questo avviene in modo indiretto.
    Purtroppo nessuno vuole ammettere che per 40 anni si sono perseguite politiche economiche totalmente sbagliate, è piu facile dare la colpa a qualche anno di austerità.
    In qualche modo la faccenda mi ricorda quando i sindaci hanno “costretto” i cittadini a fare la raccolta differenziata.
    La raccolta differenziata è frutto della mancanza di una legge sugli imballaggi, l’unica seria legge fatta negli ultimi anni su questo tema ha riguardato le borse di plastica diventate borse biodegradabili, che però ne ha raddoppiato il prezzo…
    Se tutti i rifiuti fossero biodegradabili, non servirebbe nemmeno la raccolta differenziata che fa perdere voti…
    Oppure se fossimo pieni di inceneritori, ognuno potrebbe evitare di fare la fatica che si fa quando si differenzia.
    Il punto è che molti sindaci dopo aver cambiato le abitudini dei cittadini hanno perso molti voti e non sono stati riconfermati.
    Altri sindaci invece hanno continuato ad avere per decine di anni molto consenso e se ne sono fregati dei rifiuti, ed oggi ci sono i vagoni con le ecoballe che partono e vanno in germania, o ci sono i campi disseminati di diossina, o si sono create immense discariche.
    Infondo passare da un discorso che riguarda le discariche ad un discorso che riguarda i crediti deteriorati presenti nelle banche non è così difficile…
    Il problema dei politicanti è che non si sono resi conto che il debito pubblico è una bomba ad orologeria, con la differenza che il conto non è alla rovescia, ma sale, sale sale.
    I politicanti non si sono ancora resi conto che la strada dell’austerità non è percorsa per volontà di qualcuno, ma è obligatoria, bussa alla porta oggi, oppure sfonda la porta con una testa d’ariete un domani.
    Se questi politicanti europei facessero un pochino di protezionismo verso i prodotti creati e venduti in europa, invece di svendere le nostre industrie in giro per il mondo, forse si potrebbe invertire il trend, altrimenti volenti o nolenti gli antieuropeisti faranno saltare questa unione europea.
    I politicanti scelgano se è meglio avere l’unione europea e avere il protezionismo verso l’estero e delle tassazioni differenziate per i prodotti a km zero, oppure se preferiscono restare senza unione europea promuovendo il trattato di libero scambio.

    Quando si fa nuovo debito bisogna chiedersi : chi lo paga?
    La risposta è semplice: non lo pagherà nessuno, l’importante è che si mantenga l’illusione che possa essere pagato, così continuiamo a privatizzare gli stati e a prenderci la loro sovranità.

    Quindi continuiamo a fare l’errore di questi ultimi 40 anni, e poi se ci sono 2 anni di austerità diciamo che è colpa del rigore nei conti…

    Che in pratica significa: non assumiamoci le nostre responsabilità e pur di avere voti roviniamo il futuro delle generazioni a venire, infatti a noi i nostri debiti non ci piace pagarli, e quando sono troppi ci piace dimenticarci di averli fatti e prendercela con chi ci ricorda che li abbiamo fatti.

    Articoli correlati:

    Considerazioni economiche sull’europa. Monti per una volta ha ragione:
    https://giamps78.wordpress.com/2016/02/22/considerazioni-economiche-sulleuropa-monti-per-una-volta-ha-ragione/

     
  • giamps78 05:12 il 28 February, 2016 Permalink | Rispondi  

    U.S.A. portatori di un cancro da asportare 

    ImmagineA me sta cosa che gli stati uniti smettono di spiare solo i paesi alleati non piace per nulla perchè crea,una situazione di instabilità globale, cioè quello che sono bravi a fare gli stati uniti d’america.
    Io ritengo che gli stati uniti non siano nostri alleati, perchè gli stati uniti sono il nemico della convivenza civile e siano invece amici dell’egoismo che sta alla base della vita di tutti i giorni.
    Il modello americano è totalmente fallimentare a qualsiasi livello, partendo dal livello di democrazia per finire poi con il modello di sviluppo che viene diffuso nel pianeta.
    Gli stati uniti non possono essere nostri alleati perchè ci stanno portando alla distruzione del pianeta, perchè hanno creato un sistema globale che si basa sull’individualismo e sull’egoismo, e la loro ricerca scientifica gli si rivolterà contro non appena tale ricerca cade nelle mani dei loro nemici, e questo capita sistematicamente.
    Dunque a causa degli stati uniti d’america abbiamo e avremo sempre piu un mondo diviso dove però è presente la speculazione capitalistica a livello globale.
    Le missioni spaziali, ad esempio, non dovrebbero essere permesse a singoli stati, ma dovrebbero essere messe in atto da organismi mondiali internazionali che abbiano una organizzazione democratica.
    Ed invece ad ogni stato è permesso di fare quello che gli pare, di lanciare satelliti, laboratori orbitali…
    Faccio solo presente che se l’ISIS fosse dotato di un solo missile spaziale e lo indirizzasse contro la luna, qui sulla terra ci sarebbe una strage, se fosse inviato contro il solo un certo tipo di materiale di cui non faccio il nome, avremmo tempeste solari devastanti.
    Non manca molto perchè come si è visto ogni nazione si sta dotando con sistemi individuali di satelliti, e ci è riusita pure la corea.
    Satelliti che servono appunto per lo spionaggio di cui si parlava inizialmente.
    La concordia planetaria rientra nell’ambito della sicurezza nazionale di ogni paese, per questo il sistema americano individualista del mio orto e del tuo orto non può assolutamente funzionare e determinerà un grande fallimento con grandi divisioni e contrasti.
    E’ proprio il sistema che si basa sull’io sono meglio di te, io sono piu efficiente di te, io lavoro meglio di te e sono piu bravo, io ti speculo in testa, è proprio questo sistema che andando avanti con l’evoluzione si troverà ad essere inadatto e pericoloso perchè contrario ad uno spirito di leale collaborazione.
    E dietro a questo sistema si nascondono le guerre ed i flussi migratori, l’egoismo e i debiti pubblici.
    Il modello dove lo stato non può entrare nell’economia è fallimentare e non esiste per definizione una banca che sia indipendente, è solo una finzione pro-capitalismo.

    Gli U.S.A. sono portatori di un cancro da asportare prima che possa estendersi in futuro magari anche ad altri pianeti.

    Un domani,avremo un pianeta dove ci sono solo cinesi, uno dove ci sono solo africani, uno dove ci saranno solo nord americani?
    Chi arriva prima pianterà la sua bandierina?
    Non dovremmo farci contaggiare dai loro virus anzi dovremmo essere noi a proporre sistemi alternativi che possano risolvere e non aumentare i problemi senza chiudersi nell’egoismo individualista come forma di protezione che metterà poi tutta la nazione in pericolo costante e duraturo.

    Articoli correlati:

    Cronostoria delle politiche americane in medio oriente:
    https://giamps78.wordpress.com/2015/11/24/cronostoria-delle-politiche-americane-in-medio-oriente/

    La truffa delle primarie americane: perchè nascondono l’affluenza?
    https://giamps78.wordpress.com/2016/02/02/la-truffa-delle-primarie-americane-perche-nascondono-laffluenza/

    Diatriba Bergoglio-Trump: No ai muri, no allo ius soli
    https://giamps78.wordpress.com/2016/02/27/diatriba-bergoglio-trump-no-ai-muri-no-allo-ius-soli/

    American news for a day
    https://giamps78.wordpress.com/2016/01/24/american-news-for-a-day/

    Senza nuovi stimoli della FED gli stati uniti potrebbero essere al capolinea
    https://giamps78.wordpress.com/2015/08/20/senza-nuovi-stimoli-della-fed-gli-stati-uniti-potrebbero-essere-al-capolinea/

    Appello a Barak Obama, 1000 bil. dalla FED per produrre carburante sintetico
    https://giamps78.wordpress.com/2015/02/28/appello-a-barak-obama-mille-miliardi-dalla-fed-per-produrre-carburante-sintetico/

    L’omniprocessor e il suo contrario
    https://giamps78.wordpress.com/2016/02/02/lomniprocessor-e-il-suo-contrario/

    Stati uniti o confederazione?
    https://giamps78.wordpress.com/2015/06/07/stati-uniti-o-confederazione/

    L’ipocrisia americana : i polli crescono bene
    https://giamps78.wordpress.com/2015/06/26/lipocrisia-americana-i-polli-crescono-bene/

     
  • giamps78 10:01 il 27 February, 2016 Permalink | Rispondi
    Etichette: bergoglio, , muro, trump   

    Diatriba Bergoglio-Trump: No ai muri, no allo ius soli 

    ImmagineIl papa ha detto che vanno costruiti ponti e non muri, si ma bisogna capire a che cosa servono i ponti, per farci vivere sotto gli immigrati che non hanno un posto dove andare?
    D’altra parte vivere sotto un ponte è meglio che morire sotto un ponte!

    Come ho già scritto molti mesi nell’articolo intitolato “Lo ius soli inasprisce la lotta all’immigrazione clandestina e aumenta il razzismo. Applicazione della nuova tassa sul Thè.”ho avuto modo di spiegare il collegamento e le inaspettate sinergie tra questi due fenomeni apparentemente l’uno opposto all’altro.

    Se negli stati uniti non vi fosse lo ius soli, il muro che vorrebbe costruire il candidato alla presidenza americana Ronald Trump perderebbe gran parte del suo significato.

    D’altra parte bisogna prendere nota del fatto che gli stati uniti nascono con lo ius soli in quanto la maggioranza delle persone ariva da fuori, e a testimonianza di questo ci sono le armi molto diffuse tra la popolazione, derivanti appunto da questo fenomeno del passato.

    D’altra parte nell’articolo intitolato “Ci mancava solo la speculazione economica sui profughi” spiegavo le differenze tra immigrazione economica e profughi che scappano dalle guerre, questi ultimi vanno aiutati dando loro un rifugio, ma solo fin quando la guerra nel proprio paese finisce, poi devono tornare in tale paese ed aiutare la ricostruzione.

    Il capitalismo individualistico e speculativo vorrebbe tenersi i profughi migliori trasformandoli in immigrati economici perchè creano valore aggiunto e usa il buonismo volendo appunto lo ius soli per creare un’integrazione totalmente errata.

    Diverso è il caso degli immigrati economici, qui il capitalismo individualista e speculativo punta ad una competizione globale al ribasso, usando e gettando di volta in volta gli stati del mondo, creando industrializzazione e impoverendo a seconda delle convenienze del momento e della carica estorsiva che si porta dietro.

    La competizione globale punta a dire “io sono meglio di te, io produco meglio di te, io sono piu efficiente” quindi non c’è una solidarietà che viene sopraffatta dalla competizione di mercato.

    E’ dunque lo stesso capitalismo a creare l’immigrazione, dai paesi piu “ricchi” a quelli piu poveri, e nel contempo è riuscito nel capolavoro di fare l’esatto opposto, dai paesi piu ricchi porta le produzioni dove la manodopera è meno costosa.

    E’ un fenomeno difficile da capire, ma gli stati ricchi sono contretti a fare tagli sociali perchè le produzioni sono spostate all’estero, di media il costo di un lavoratore occidentale è 5 volte inferiore a quello di un lavoratore di un paese in via di sviluppo, e questo crea problemi di occupazione nei paesi sviluppati e crea quindi maggiori frizioni verso gli immigrati.

    Dall’altro queste produzioni sono sempre piu concentrate e non danno alcuna soddisfazione all’ambiente circostante, e quindi il numero di poveri non diminuisce e c’è l’emigrazione verso chi si pensa che sia “ricco” che però deve tirare la cinghia.

    I capitali e la finanza godono di questa situazione e accrescono il loro potere di interdizione e in alcuni casi spingono anche per avere nuove guerre che porterebbero nuovi sviluppi e nuovi introiti in termini di produzione e ricerca scientifica per l’industria bellica.

    Su questo specifico aspetto dell’immigrazione ribadisco qanto detto in passato, e cioè si deve stabilire una densità di popolazione massima per ogni luogo, oltre il quale non si deve andare, oltre il quale se un rifugiato ha bisogno di un rifugio il posto c’è, ma dopo deve tornare al suo paese quando la guerra è finita.
    In questo articolo spiegavo il collegamento tra consumo di suolo(che credo il candidato Trump conosca bene), l’immigrazione e la densità di popolazione.

    Noi dobbiamo diventare piu poveri, o meglio, dovremmo far in modo da non subire poteri capitalisti e dovremo dare un po’ di questa ricchezza ai paesi piu poveri in modo da non avere una disparità tra cittadini ed evitare la ragione principale dell’emigrazione.

    Ma il capitalismo non può portare ricchezza nei paesi in via di sviluppo, tutto quello che ha portato è stato lo sfruttamento della manodopera, il prosciugamento delle risorse naturali, la democrazia dittatoriale e le armi.

    Articoli correlati:

    Lo “ius soli” inasprisce la lotta all’immigrazione clandestina e aumenta il razzismo. Applicazione della nuova tassa sul Thè:
    https://giamps78.wordpress.com/2014/10/24/ius-soli-inasprisce-la-lotta-allimmigrazione-clandestina-e-aumenta-il-razzismo/

    Ci mancava solo la speculazione economica sui profughi:
    https://giamps78.wordpress.com/2015/09/08/ci-mancava-solo-la-speculazione-economica-sui-profughi/

    Densità di popolazione, consumo del suolo e immigrazione:
    https://giamps78.wordpress.com/2014/11/13/densita-di-popolazione-consumo-del-suolo-e-immigrazione/

    Il piu grande attacco di tutti i tempi: cittadinanza,sovranità,differenza di genere:
    https://giamps78.wordpress.com/2015/10/18/il-piu-grande-attacco-di-tutti-i-tempi-cittadinanzasovranitadifferenza-di-genere/

    Non ci può essere convivenza pacifica con il capitalismo d’assalto:
    https://giamps78.wordpress.com/2015/09/29/non-ci-puo-essere-convivenza-pacifica-con-il-capitalismo-dassalto/

     

     
  • giamps78 00:04 il 27 February, 2016 Permalink | Rispondi  

    Il reddito di cittadinanza con la moneta alternativa di ghiaccio 

    La moneta di ghiaccio, o icemoney, è una moneta alternativa che ha la peculiarità di avere un valore a tempo, scaduto il termine tale moneta smette di avere una validità.

    Il presidente della regione puglia Michele Emiliano sembra intenzionato a proporre un reddito di cittadinanza, ed io ho già espresso in precedenza il mio parere negativo su questa iniziativa che il governatore ha chiamato “reddito di dignità”, così come ho espresso un parere non positivo per il reddito di cittadinanza proposto dal movimento 5 stelle nonchè al reddito di cittadinanza proposta dal centro-destra in Lombardia.

    Dal punto di vista del calcolo matematico, l’effetto volano del reddito di cittadinanza, descritto quasi come fosse un coniglio estratto da un cilindro risulta totalmente errato.
    Si dice che con il reddito di cittadinanza le persone hanno piu soldi, spendono di piu, e una buona parte dei soldi ricevuti rientrano come tasse e questo ridurrebbe le coperture necessarie all’erogazione del debito.

    Ho già spiegato perchè non è così, ho già spiegato che il debito creato erogando quel reddito ha un costo ben superiore al vantaggio derivante dal quel reddito e alla fine si appesantisce chi un lavoro lo ha e dovrà pagare piu tasse perdendo il posto di lavoro e così si otterrà l’effetto controproducente di togliere reddito invece che darlo.

    Ma sono disposto a cambiare idea su questo reddito di cittadinanza, perchè i calcoli matematici e logici che ho fatto non sono ideologici, sono pronto a diventare non solo favorevole a questo reddito ma anche un promotore accanito.

    Ma ci deve essere una proposta che realmente abbia delle premesse che portino al risultato inizialmente auspicato.

    Ecco prechè mi permetto di unire 3 proposte monetarie in una sola che se cotamente realizzate possono portare in pari il conto e far rinascere il sud italia.
    1) Reddito di cittadinanza
    2)Dato con moneta alternativa locale
    3)E tale moneta deve essere di ghiaccio

    Partiamo dalla fine, moneta di ghiaccio significa che se vengono erogati “100 euro-pugliesi” posti all’interno di una carta apposita, ogni giorno vengono sottratti 4 euro, cioè il 4%, ovvero a fine mese la carta non contiene soldi.
    Questo induce a spendere i soldi e si rende impossibile l’accumulo, e a fine mese tutte le carte saranno vuote, e questo crea anche minori problemi in caso di furto perchè si sa che comunque il valore contenuto è relativo.
    Naturalmente la carta non può andare sotto zero.

    Moneta alternativa locale non significare la creazione di una vera e propria moneta locale fisica, anche se sarebbe bello che il reddito di cittadinanza utilizzasse il “pugliè” (nome forse infelicemente che ho appena coniato) e che i negozi lo utilizzassero come alternativa all’euro.

    Per alternativa locale intendo dire che quei soldi dovrebbero servire per acquistare esclusivamente dei prodotti locali, cioè che non arrivano da fuori, che sono al 100% pugliesi, con una lista di prodotti e i luoghi dove si vendono che sono messi on-line sul sito della regione e volendo la lista può essere concordata con i produttori che danno la propria disponibilità magari mettendo un segno di riconoscimento, cioè il simbolo dell’euro-pugliese

    Se l’olio pugliese costa 8 e quello tunisino costa 4, con il reddito di cittadinanza si può acquistare quello da 8.
    Se uno va alla cassa dovrà dividere i prodotti e fare due scontrini distinti, il primo pagadolo normalmente, il secondo usando la carta del reddito di cittadinanza e firmando lo scontrino, come accade per le prepagate postepay non ci saranno addebiti per la transazione.
    Ed anzi le poste che in minima parte sono ancora pubbliche potrebbero stipulare una convenzione con la regione.

    Naturalmente qui si sta andando contro le regole europee perchè va trovato il modo per non far sembrare aiuto indebito quello dato al prodotto italiano, altrimenti l’autorità per la concorrenza darà delle mazzate.

    Per vincere il nero si può utilizzare l’entrata fatta dal produttori di olio pugliese a 8 euro dell’esempio precedente, e ripagarlo con la defiscalizzazione.

    Cioè ad esempio la regione compensa la quota di tasse che quel venditore dovrebbe pagare alla regione con il costo della bottiglia di olio in modo tale che per il venditore le entrate e le uscite rimangono inalterate.

    Non so se sia contro le regole europee il decidere di acquistare solo prodotti italiani, ma io penso che la regione potrebbe utilizzare il reddito di cittadinanza per far lavorare i suoi conterranei.

    A questo punto il reddito di cittadinanza va in pari, perchè si spendono soldi ma c’è un ritorno vero e proprio in termini economici.

    P.S.
    resta inteso che chi riceve il reddito di cittadinanza deve dare la sua disposibilità per fare alcuni lavori sociali per il proprio comune in modo da ridurne le spese e quindi far ridurre le tasse a tutti i cittadini.
    E che nel caso in cui gli vengano offerti due posti di lavoro e li rifiuti perde il reddito.

    Articoli correlati:

    Perchè dire no al reddito di dignità o di cittadinanza
    https://giamps78.wordpress.com/2015/11/11/perche-dire-no-al-reddito-di-dignita-o-di-cittadinanza/

    La proposta del reddito di cittadinanza non funziona(3)
    https://giamps78.wordpress.com/2015/04/11/la-proposta-del-reddito-di-cittadinanza-non-funziona2/

    La bufala del reddito di cittadinanza in Lombardia
    https://giamps78.wordpress.com/2015/05/12/la-bufala-del-reddito-di-cittadinanza-in-lombardia/

    No al reddito di cittadinanza, meglio i lavori pubblici comunali
    https://giamps78.wordpress.com/2015/02/28/no-al-reddito-di-cittadinanza-meglio-i-lavori-pubblici-comunali/

    Ecco perchè non va fatto il reddito di cittadinanza
    https://giamps78.wordpress.com/2015/03/07/ecco-perche-non-va-fatto-il-reddito-di-cittadinanza/

    Altri link sullo stesso argomento :
    La Social Card INPS è controproducente e concettualmente sbagliata
    https://giamps78.wordpress.com/2015/02/23/la-social-card-inps-e-controproducente-e-concettualmente-sbagliata/

     

     
c
scrivi un nuovo post
j
post successivo/commento successivo
k
post precedente/commento precedente
r
Rispondi
e
Modifica
o
mostra/nascondi commenti
t
torna a inizio pagina
l
vai all'accesso
h
mostra/nascondi aiuto
shift + esc
Annulla