L'errore nel 730 precompilato e il grande fratello

L’errore del 730 precompilato che tiene conto delle spese mediche è proprio nel 730 precompilato.
Non ci devono essere detrazioni annuali, di deve essere la detrazione immediata al momento dell’acquisto.
Il 730 deve dar origine a 3 livelli di tassazione e la tessera sanitaria deve tener conto di questi tre livelli.
Infatti non è la quantità di sgravi che determina la ricchezza delle persone ma è quanto guadagnano e questo c’è già.
Non occorre mettere le spese mediche nel 730 precompilato, basta che la tessera sanitaria dia origine allo sgravio immediato diventando essa stessa creditrice dei soldi essendo essa stessa anche una carta prepagata.
Per chi non usa la tessera sanitaria l’IVA odierna viene alzata ad esempio del 2% e questi soldi piu quelli degli svravi attualmente presenti sono quelli che alla fine vanno a finire subito nelle tessere sanitarie di chi usa la carta, e tutto questo a saldi invariati.
Non cambia nulla dunque per il farmacista che farebbe pagare la stessa cifra, ma nella tessera vengono inseriti immediatamente quei soldi che vengono sgravati a seconda del reddito.
Ma tutto questo è indipendente dall’incorcio dei dati, basta che da una parte ci sia la dichiarazione dei redditi in entrata che da’ in uscita l’indicazione di 3 aliquote corrispondenti alla ricchezza della persona senza entrare nel dettaglio e dall’altra un codice che indica la fascia del farmaco senza riportare evidentemente il tipo di farmaco.
Il farmacista in ogni caso non viene a sapere quanti soldi tornano nella tessera sanitaria ne a quale classe economica appartiene la persona che compra qualcosa, per lui resta tutto identico.
I due database non devono comunicare tra loro se non per dire a quale delle 3 aliquote appartiene la tessera sanitaria e per dire se il medicinale risulta essere di fascia A , B o C.
Dunque non vi è necessità alcuna di far inserire ogni dato all’interno della dichiarazione dei redditi, infatti l’inserimento o il mancato inserimento delle le detrazioni non c’entrano nulla con il reddito della persona e con il suo 730.
Solo nel caso in cui le detrazioni siano sospette perchè superano la soglia, allora deve scattare un controllo.
Ma se uno non fa la dichiarazione e usa la sua tessera sanitaria, lo sconto fiscale per il suo utilizzo ci sarà ma sarà limitato, mentre chi non usa la tessera vede l’aumento dell’aliquota in modo da incentivarne l’utilizzo.

Annunci