Veto su elezione del Presidente della Repubblica e modello EIRE

Non ho capito bene la storia del veto permanente delle opposizioni sull’elezione del presidente della repubblica.
Ma nell’elezione del presidente della repububblica non ci dovrebbero essere maggioranze ed opposizioni, se invece si parla in questo modo si continua a ragionare come se la maggioranza avesse diritto ad eleggersi il presidente della repubblica con la minoranza dei voti ricevuti dagli elettori,tra l’altro in una votazione a scrutinion segreto dove non dovrebbero nemmeno essere considerati i partiti come punto di partenza per tale elezione ma semplicemente i parlamentari che senza vincolo di mandato rappresentano la nazione, o meglio, la rappresentavano visto che da domani i senatori rappresenteranno “le istituzioni regionali”.
Nella prima repubblica,lo ricordo, i voti espressi dai cittadini si specchiavano all’interno delle aule parlamentari.
Sicchè superato uno certo numero di scrutini accadeva che serviva solo la maggioranza dei parlamentari per eleggere il presidente della repubblica.
Ma in ogni caso quella maggioranza era anche la maggioranza assoluta dei voti ricevuti dagli elettori.
La soglia per l’elezione del presidente della repubblica deve essere piu alta nel momento in cui ci sono dei premi di maggioranza che modificano forse anche per piu del 30% il voto dei cittadini.
Cioè il principio base di una democrazia che dovrebbe tra l’altro prevedere come figura super partes la piu alta carica della repubblica.
Qualcuno non ha fatto bene i conti, anche al senato c’è un premio di maggioranza regionale, mentre alla camera si ottiene una percentuale del 55,6% dei voti.
Il veto di quelle che vengono chiamate erroneamente opposizioni è un diritto, è un diritto in democrazia non volere che diventi presidente della repubblica una figura che non è di garanzia.
Altrimenti, se si vuole modificare questo aspetto, si lasci la parola agli elettori.
Personalmente tutte le volte che posso esprimo pareri avversi sul presidenzialismo alla francese, ma molte volte in passato ho descritto la bontà dell’elezione diretta del presidente della repubblica che avviene in Irlanda.
In quello stato il presidente della repubblica ha gli stessi identici poteri di quello italiano, c’è la possibilità per il parlamento di fare alcune votazioni, poi ogni gruppo parlamentare ha la possibilità di candidare una persona.
Gli elettori nel caso irlandese votano da 1 a 5 il presidente migliore.
Quello che vince, sommando prime e seconde scelte ottiene piu del 50% dei voti e diventa presidente della repubblica.

Questo non cambia minimamente la forma di stato e di governo, basta un solo emendamento di poche righe, al termine delle prime 3 votazioni a maggioranza qualificata c’è il voto del popolo con il voto singolo trasferibile, naturalmente non ci devono essere simboli di partito in scheda elettorale.

Argomenti correlati :

Elezione presidente della repubblica : voto singolo trasferibile e modello EIRE
https://giamps78.wordpress.com/2015/01/03/elezione-presidente-della-repubblica-voto-singolo-trasferibile-e-modello-eire/

Annunci