Chi lo ha scritto il job act, l’imprenditore o il politico?

Leggo di un processo a carico di imprenditori che hanno licenziato e poi fatto assumere dei lavoratori presso altra azienda per ottenere la decontribuzione.

Se gli imprenditori decidono,per pagare meno tasse, di applicare ai lavoratori quello che nel settore primario viene definito “principio di rotazione delle colture”.
E’ reato?
Io credo di no, non è vietato.
Il problema è che chi fa le leggi alimenta questi comportamenti, ma dal momento che non sono vietati, non si può parlare in alcun modo di truffa allo stato perchè la legge è pienamente rispettata.
La legge avrebbe potuto porre un limite alla decontribuzione ad esempio legando ad ogni persona la decontribuzione valida per 3 anni nel totale della vita lavorativa di ogni lavoratore, scomputando alle stesse persone i voucher eventualmente utilizzati e facendoli pagare di piu nel caso in cui evidentemente non si può considerare piu come lavoro occasionale ma bensì ripetitivo.

Se non lo ha fatto è colpa dei politici non certo degli imprenditori che in modo naturale assumono comportamenti per pagare meno tasse, non è assolutamente evasione,e nemmeno truffa.
4 mesi continuati di voucher a 10 euro all’ora chi li ha scritti nella legge, l’imprenditore?
L’essere assunti da un’azienda diversa per poter aver diritto alla detassazione, chi l’ha scritta, l’imprenditore?
Bastava porre dei limiti, cosa che non è stata fatta, la colpa è della politica.
Se le aziende fanno ruotare gli addetti senza alcun vincolo NON E’ TRUFFA, non c’è legge che viene violata.

Si tratta di un semplice vantaggio economico che chiunque può utilizzare in qualsiasi momento, si chiamano leggi di mercato.

Annunci