La conversione bicamerale perfetta per i decreti legge governativi

Immagine

Il decreto legge è una forma particolare di legislazione, il potere esecutivo diventa legislativo, seppur con alcune limitazioni.

L’abuso di questa strumentazione d’urgenza dovrebbe essere eliminato e il tutto andrebbe ricondotto a piu miti consigli.

Ecco perchè se da un lato si vuole una camera dei deputati cun una maggioranza “schiacciante”, con il vincitore certo il giorno stesso delle elezioni, con una costituzione dove sono stabiliti tempi certi, dall’altra si deve pensare a bloccare ogni tentativo di sovrapproduzione di leggi che si accavallano e che rendono impossibile per i parlamentari perfino arrivare a leggere i testi di legge che il presidente del consiglio pretende che votino.

Il deterrente è quello di avere appunto un procedimenti piu snello con la sola camera che fa le leggi, ma un bicameralismo paritario e perfetto su qualsiasi decreto legge del governo.

In questo senso, se il decreto non è di parte, ma effettivamente serve, non avrà alcuna difficoltà a passare anche al senato della repubblica.

In pratica, si rende piu breve il tragitto monocamerale nel caso di legge, e si rende piu complicato quello dei decreti legge, che è evidente, passeranno solo se sono veramente urgenti e indispensabili come prescrive la costituzione.

Anche il presidente del consiglio piu dissennato capirà che la strada del decreto legge è piu impervia e la userà con parsimonia.

Annunci