Referendum Grecia : non è importante che vinca il si o il no

Immagine

Non è importante che vinca il si o che vinca il no, l’importante è che i cittadini greci siano responsabili delle proprie azioni, e che qualunque cosa accada alla grecia sia per responsabilità dei cittadini greci.
Si poteva fare prima ma si poteva anche non fare il referendum, ricordo solo che un premier greco papandreu è stato spoltronato solo per aver ipotizzato il ricorso a questo strumento, allora dissi che era un grande errore, ma non ho letto alcun articolo dei vari giornalisti su questo proposito.
Ma oggi sento giornalisti fare il mea culpa e dire che è stato un errore non farlo allora quel referendum.
Si poteva fare 3 mesi prima?
No, si poteva fare 3 anni prima.
Ora sembra che sia stato tsipras ha creare il debito Greco, lui è in carica da 6 mesi e non aveva mai governato in precedenza.
Si è trovato in una brutta situazione ma ha preso i voti per trovarsi in questa posizione.
Evidentemente trovandosi nei panni di Papandreu ha cambiato le sue posizioni sul referendum.
Ha capito che il parere del popolo è importante.
In realtà ogni referendum è quasi come una truffa, nel senso che si può dire solamente si o solamente no.
Gheddafi nel suo libro verde diceva che il popolo oltre a dire si e no avrebbe dovuto anche scrivere di proprio pugno le proprie proposte alternative.
In mancanza di questa possibilità, il referendum appare oggi come uno sbocco necessario e lo stesso tsipras così come tutti i politici della grecia non hanno nessun tipo di idea su quale potrebbe essere il risultato referendario.
Ed è per questo che c’è il referendum, non bastano i sondaggi di opinione, ci deve essere una scheda dove esprimerla quella opinione.
Quando fu programmato il referendum scozzese in molti dissero che la scelta di Cameron era sbagliata, ma dopo il risultato referendario e dopo la riconferma di cameron tutti hanno capito quanto importante fosse quel referendum.
L’europa che si prepara a svendere il mercato estero agli USA senza sentire le opinioni delle persone, l’europa distante che ipotizza questi stati uniti d’europa per ingannare i cittadini e far loro credere che cittadino conti ancora qualcos,a ha preso la tangente.
Ha preso la tangente che ci ha portato tutti fuori strada, dai palazzi di vetro non si accorgono di quanta distanza c’è tra loro e i cittadini, non basteranno le loro riforme, non parliamo tutti la stessa lingua, abbiamo tradizioni ultra centenarie di stati indipendenti, il progetto degli stati uniti d’europa porterà semplicemente alla disgregazione totale dell’europa.
Ma purtroppo non lo capiscono.

Annunci