Servono riforme vere per fermare gli jihadisti

Servono riforme vere contro il terrorismo jihadista, chi ha esultato per le primavere arabe si rassegni, aveva sbagliato cura per il paziente, ma ancor prima era sbagliata la diagnosi.
L’omogeinizzazione a livello globale non funziona, ogni popolo ha una sua storia e l’occidente ha il solo obbiettivo di sradicarla.
Non c’è una positività che esce da questi stati occidentali, solo la volontà di colpire ideologicamente i vecchi credo.
Non c’è una visione comune, tranne quella dei soldi.
I terroristi trovano terreno fertile grazie ai fallimenti che l’ideologia americana ha seminato per il mondo.
Si può costruire un mondo piu giusto, ma per farlo occorrono dei limiti alla capacità d’impresa e dei limiti nella deturpazione ambientale.
Invece negli stati uniti d’america non ci sono i classici partiti che si confrontano, ci sono solo lobby che comandano, ma le differenze culturali sono troppo grandi tra le varie popolazioni che abitano sul pianeta, non è possibile tentare di omogeneizzare tutto riconducendolo all’ideologia americana.
Decenni di fallimenti che continueranno fin quando gli stati uniti non faranno le loro riforme, le riforme per un mondo migliore, che non sono certo quelle che servono per colpire i propri credo religiosi, utilizzando a tambur battente i media per far credere alle persone che questi sono dei diritti civili.
La realtà vi aspetta, ed è molto lontana da hollywood.

Come per i virus non basta l’abbattimento di quelli esistenti così come non basta e non serve l’abbattimento degli jihadisti, serve togliere l’acqua dove i pesci nuotano, e quest’acqua è creata sostanzialmente dagli stati occidentali che credevano di non aver bisogno di regole di comportamento, che credevano di poter fare quello che volevano, ed invece non è così

Annunci