La chiamavano Tobin Tax

Immagine

Mi fa sorridere l’appello delle banche europee per avere nuove regole per evitare bolle.

L’unica regola utile e valida è il ritorno alla centralità dell’economia reale, lo svantaggio competitivo che viene conferito ai depositi.

L’unica regola utile e valida è l’abbattimento delle barriere sullo scambio di merci, all’interno dell’unione europea, con il conseguente livellamento di quelle extra UE, sto parlando naturalmente dell’abbassamento e in molti casi dell’eliminazione dell’imposta sul valore aggiunto.

A me sembra chiaro, lampante, ovvio, e non capisco come mai certi così grandi e lodati economisti non ci arrivino, non ci possano arrivare nemmeno sotto suggerimento.

C’è la crisi dei consumi, e sui consumi c’è l’IVA senza la quale essi ripartirebbero spediti creando nuovi posti di lavoro.

C’è nel contempo un capitale finanziario distaccato dall’economia reale che si avvita su se stesso investendo liberamente in qualsiasi parte del mondo, e qui CI VA LA TOBIN TAX.

L’EURO ha bisogno della tobin tax, ne ha bisogno pure il dollaro, c’è bisogno di tassare i capitali, di tassare gli scambi monetari,i guadagni di borsa, di ripristinare una scala dei valori che dia al lavoro, quello vero, il margine di guadagno, e al capitale quello finto, il proprio margine di perdita.

E’ un riequilibrio, è utile anzi indispensabile.

Quello che mi piacerebbe capissero questi economisti in vacanza, è che non ha alcun senso il pavoneggiamento del capitale coraggioso per ottenere l’investimento sul debito sovrano, che è molto meglio che quel capitale sia tassato ed eventualmente resti distante, che abbiamo una banca centrale europea che deve stampare i soldi, che va chiuso il capitolo con i capitali privati padroni che ordinano agli stati di riformarsi.

Sono gli stati a dover riformare questo sistema per evitare che quei capitali creino ancora bolle, ancora squilibri, disoccupazione.

Questo, se si vuole uscire dalla crisi, altrimenti, se non è questo l’interesse, ma l’interesse è quello speculativo, si aumenti ancora l’imposta sul valore aggiunto, così i consumi crolleranno ulteriormente, si regalino soldi alle banche private come già fatto in questi ultimi anni,tanto i prestiti elargiti continueranno a diminuire ,si veda aumentare la disoccupuazione, e si aspetti l’esplosione della prossima bolla, con il default di intere economie.

Annunci