Il toscanellum sarebbe la prova di italicum!

Immagine
Secondo il fatto quotidiano le prossime elezioni regionali in toscana adottano un sistema elettorale molto simile all’italicum.

In realtà ci sono numerosissime differenze che vanno dalla presenza delle coalizioni, che nell’italicum non sono presenti, e dunque da un ballottaggio tra coalizioni di liste e non tra singole liste.

Ci sono delle differenze sugli sbarramenti, nel toscanellum ci sono le solite soglie multiple a seconda se le liste sono coalizzate con altre liste in stile porcellum.

Il punto di partenza dell’italicum era molto buono, si stabilisce che al primo turno ogni lista corre per conto proprio.

Andava però consentito l’apparentamento al ballottaggio, ma solo ad un numero fissato di liste, che potevano tranquillamente essere 2, in questo modo si sarebbero tolte di mezzo le “super-coalizioni” eterogenee che arrivano fino a comprendere le liste civetta.

Questo sarebbe stato un secondo grande miglioramento.

Il terzo grande miglioramento sarebbe stata l’assenza dello sbarramento elettorale, perchè non si possono annullare i voti dei cittadini, perchè va rispettata la regola aurea che vede o la presenza del premio o la presenza dello sbarramento, o l’una o l’altra cosa, non entrambe, non insieme.
Infatti chi vince ottiene la maggioranza dei seggi ed il voto è già abbastanza distorto.

Il terzo punto riguarda la soglia mobile nel premio di maggioranza, una soglia mobile che parte dal 60% è incomprensibile.

Siccome prendono un voto in piu dai cittadini devono avere 5 seggi di piu nel consiglio che rappresenta i cittadini, innammissibile.

Il consiglio regionale deve rispettare la volontà dei cittadini, quindi va bene un premio, va bene che questo premio sia variabile, ma a seconda dei voti al primo turno questo deve partire dal 51% ed arrivare al 55%.

E’ troppo poco?
Allora convincete gli elettori a darvi piu voti nelle urne, in alternativa convincete le liste che sono presenti nel consiglio regionale e fatele partecipare alla giunta regionale per avere una maggioranza piu solida.

La governabilità non va garantita a tutti i costi, la governabilità c’è se c’è la politica, se la politica non si merita la governabilità allora questa non va data, perchè va meritata sul campo.

Un sistema democratico deve avere dei pesi e dei contrappesi, chi svolge la funzione di assessore se vuole può dimettersi da consigliere regionale, i numeri nell’aula del consiglio ci possono essere comunque.

Se uno ha il raffreddore sono affari suoi.

Annunci